Al momento stai visualizzando Scrivere un Business Plan per un Ristorante. Come fare ed esempi pratici

Scrivere un Business Plan per un Ristorante. Come fare ed esempi pratici

Che tu abbia già un ristorante avviato, ma del quale non sei contento, o che tu abbia intenzione di aprire il tuo ristorante, scrivere un Business Plan è il giusto punto di partenza

Attenzione, non prendere alla leggera questo compito, ma soprattutto non affidarti a chi non ha mai gestito neanche un chiosco delle granite.

Infatti un Business Plan redatto male da chi non ha alcuna esperienza nel nostro settore può risultare veramente nocivo per il tuo locale

Perciò, in questo articolo ti spiegherò come farlo al meglio, evitando di rivolgerti a consulenti generalisti che di ristorazione e locali sanno ben poco.

Che cosa è un Business Plan?

Prima di entrare a capofitto nell’argomento, voglio spiegarti bene cosa sia un Business Plan per un Ristorante, partendo dalla definizione di Wikipedia.

Se sfogli questa enciclopedia puoi leggere che il Business Plan è un documento che… 

“…sintetizza i contenuti e le caratteristiche di un progetto imprenditoriale (business idea). Viene utilizzato sia per la pianificazione e gestione aziendale che per la comunicazione esterna, in particolare verso potenziali finanziatori o investitori.”

Questa definizione di Business Plan è corretta, ma generalizzata a ogni tipo di attività. Per questo motivo ho coniato una definizione di Business Plan per la Ristorazione, quindi specifica per il nostro settore: 

“Il Business Plan è la carta nautica del tuo locale: mostra la sostenibilità del tuo progetto, definisce cosa fai e il “senso” del tuo locale, chiarisce quali obiettivi raggiungere, identificando i mezzi, le risorse e i numeri grazie ai quali raggiungerai questi obiettivi.”

Per questo motivo, un piano aziendale  ben studiato e dettagliato ti permetterà di massimizzare i tuoi guadagni, riducendo gli sprechi e consentendoti di dare alla tua azienda una linea guida. 

Puoi fare a meno di un Business Plan per il tuo Ristorante?

Guideresti mai una barca senza carte nautiche, senza strumentazione di bordo e soprattutto senza sapere con esattezza dove stai andando?

Ovviamente no. 

Allora sappi che se non hai un Business Plan per il tuo Ristorante (o peggio – ne hai uno fatto male) è come se ti mettessi in mare alla cieca, con una barca malandata e piena di falle.

Per questo motivo, se hai margini ridotti che si erodono continuamente, nonostante con il Marketing e il tuo Staff tu riesca a riempire il tuo locale e a vendere ai tuoi clienti i piatti più redditizi, probabilmente il problema è da rintracciare in una cattiva gestione dei numeri. 

Infatti, grazie al Business Plan potrai tenere i tuoi numeri sotto controllo, capire se la direzione presa dal tuo locale è quella più redditizia e in caso contrario sarai in grado di correggere il tiro. 

Ma senza un Business Plan per il tuo Ristorante, tutto questo sarà impossibile e dovrai sempre fare affidamento sulle “sensazioni” e non sui numeri, andando di fatto alla cieca.

Chi deve scrivere il Business Plan per il tuo Ristorante?

Se hai davvero compreso l’utilità del Business Plan per il tuo ristorante adesso siamo alla domanda cruciale. 

Puoi delegare la stesura del tuo Business Plan? 

Anche a questa domanda la risposta è no.

Infatti, dal mio punto di vista le attività che non puoi delegare a nessun sono quella del Marketing (poiché è grazie al Marketing che puoi riempire il tuo locale) e quella del Controllo di Gestione (perché solo se sei capace di tenere sott’occhio i numeri della tua azienda, allora potrai intervenire per renderla più proficua). 

Ma poiché lo scopo di questo articolo è quello di mostrarti come mettere in piedi un Business Plan, continua a leggere e ti spiegherò non solo tutte le sezioni che lo compongono, ma anche come compilarle correttamente. 

Da cosa è composto un Business Plan?

Un Business Plan è composto da 9 parti ognuna funzionale alla tua attività. 

Problema

In questa parte dovrai indicare quale problema risolvi con la tua offerta.

Ricorda però che il problema non è mai “sfamare il cliente”, provati a chiedere davvero cosa stai facendo (o hai intenzione di fare) per i tuoi clienti.

Per esempio, con il mio locale, il Bounty di Rimini, vado a risolvere il problema della “noia”, regalando ai miei clienti delle serate all’insegna del divertimento, della compagnia e delle relazioni. 

Soluzione

In questa sezione che compilerai dopo aver trovato il problema, dovrai indicare come intendi risolverlo.

Serate particolari, uno specifico format… insomma dovrai trovare tu la soluzione più adatta.

Ad esempio il mio locale ha una programmazione settimanale studiata per offrire ai miei clienti serate all’insegna del divertimento che vadano a risolvere il problema del quale ti ho già parlato.

Valore Offerto

Qui dovrai semplicemente inserire i prodotti e i servizi che offrirai ai tuoi clienti come soluzione ai loro problemi.

Ricorda che non è un menù, quindi oltre ai piatti ti consiglio di metterci anche il servizio, e tutte le procedure che il tuo staff dovrà mettere in atto per far percepire al cliente un valore che ecceda le sue aspettative. 

[se ti interessa invece l’argomento procedure e mansionari, allora non puoi assolutamente perderti il corso gratuito di oltre 2 ore dove te ne parlo, presentandoti anche uno strumento che ti aiuterà in tal senso: Mansionissimo.]

Metriche Chiave

In questa sezione dovrai inserire tutti gli asset (strumentazione e persone) necessari per far funzionare la tua azienda.

L’attrezzatura della cucina, il numero di persone da inserire nello staff, ma anche tutti gli strumenti per fare marketing e acquisire sempre più nuovi clienti come l’agenda digitale, il CRM, il centralino ecc.

Clienti

In questa parte dovrai individuare la tipologia di clienti con i quali lavorare.

Ad esempio se sei un pub ti interesserà lavorare con “comitive di amici”, se sei un ristorantino romantico i tuoi clienti ideali saranno le coppie.

Insomma in questa sezione dovrai descrivere l’identikit perfetto del tuo cliente ideale, o meglio del tuo True Fan

Relazioni con i Clienti

Questa sezione, invece, è dedicata a tutte le strategie per generare clienti, fidelizzarli e incrementare le vendite.

Sarà qui che dovrai “racchiudere” indicare le tue ODB (Offerta di Benvenuto), OBT (Offerta di Ben Tornato), oppure i funnel specifici che ciascun cliente deve seguire per trasformarsi in True Fan. 

Canali

Qui invece dovrai indicare i canali con i quali intenderai raggiungere i clienti: sponsorizzate social, mail e newsletter,  azioni telefoniche, di volantinaggio, coupon cartacei… Insomma, sbizzarrisciti.

Costi

Qui semplicemente dovrai inserire i costi che il tuo locale dovrà sostenere per essere funzionante

  • costi fissi;
  • food cost;
  • beverage cost;
  • costo del personale;
  • budget per il marketing.

Ricavi e Benefici

Invece in quest’ultima sezione dovrai indicare i tuoi obiettivi di fatturato, in modo da capire effettivamente quanto incassare per generare il margine desiderato e adattare di conseguenza l’intero Business Plan.

Questa è una tra le sezioni più strategiche ed è dalla sua impostazione che dipenderà gran parte dei tuoi margini.  

Esempio

Ecco un esempio di Business Plan per un Ristorante che puoi utilizzare.

Conclusioni

Ovviamente, questo articolo non ha le pretese di essere esaustivo, ma vuole darti un’infarinatura generale che ti permetta di iniziare a impostare il tuo Business Plan (se non ce l’hai ancora); o se lo hai ti permetterà di controllare se è scritto bene e se c’è da attuare qualche miglioramento. 

Essere in grado di redigerlo per bene in realtà deve tener conto di parecchie variabili, che richiedono anni di esperienza per essere capite, interiorizzate e applicate correttamente alla tua attività. 

E poiché non esiste un corso strutturato che insegni ai ristoratori come noi a redigere, monitorare e correggere i Business Plan dei nostri locali, ho deciso di risparmiarti la fatica, creando un Corso Digitale completo che tratti esclusivamente di questo argomento. 

Ho creato dunque Restaurant Plan, nel quale non solo ti parlerò in maniera approfondita di Business Plan, di come redigerlo al meglio e di come evitare tutti gli errori più comuni. 

Parleremo anche di come si fa un’analisi di mercato, quali strumenti hai a disposizione, come puoi incrementare le Revenue utilizzando esempi concreti.

Alla fine delle 4 ore di corso, avrai imparato tutto ciò che ti serve e potrai metterti all’opera per redigere, correggere e migliorare il tuo Business Plan

⚠️ Non dimenticarti...

Se comunque sei appassionato di formazione, marketing e stai cercando una soluzione per riempire costantemente il tuo locale, allora Food Marketing Festival è l’evento che fa per te. 

Il Food Marketing Festival infatti è l’evento gratuito sul Marketing a Risposta Diretta specifico per la Ristorazione più grande d’Europa e del Mondo, al quale hanno già partecipato oltre 2.000 ristoratori

E tu sarai dei nostri?